EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

#BEREBASILICATA: IL PUNTO SU PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL VINO

Braia: “E’ arrivato il tempo di fare sistema per promuovere vini di eccellenza che sono i primi ambasciatori dei nostri territori”

“E’ tempo di bere e di #BereBasilicata. E’ tempo di promuovere e valorizzare al meglio possibile un comparto maturo, punta di eccellenza della Basilicata, e il nostro vino a partire dall’Aglianico del Vulture che continua a ricevere riconoscimenti e apprezzamenti a livello nazionale ma anche mondiale. Presto sarà convocato il tavolo della viticoltura lucana”.

Lo ha dichiarato l’assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia, questa mattina a Venosa dove in collaborazione con l’Enoteca lucana, sono state illustrate le iniziative di promozione del comparto vitivinicolo lucano.

“E’ arrivato il tempo di fare sistema come Regione Basilicata – prosegue Braia – sul tema della promozione e della comunicazione del vino di Basilicata, insieme ai produttori, ai consorzi di tutela ma anche con Enoteca Regionale e con Apt, oltre che con la Presidenza della Giunta, per promuovere vini di eccellenza che sono i primi ambasciatori dei nostri territori, con una produzione che oggi è del 14% circa superiore alla media degli ultimi 5 anni, decisamente superiore della media nazionale e una previsione della vendemmia 2017 che, seppure vede un calo di raccolto a causa della siccità, sarà di ottima qualità garantita ed attestata dalle voci degli stessi produttori.

Per questo motivo abbiamo voluto presentare in maniera congiunta le attività di promozione in corso e in programma oltre che riunirci attorno un tavolo di lavoro nella prestigiosa sede venusina dell’Enoteca per provare a coordinare le azioni e le esigenze di un comparto importante per l’economia regionale che incide per il 2,6% sulla produzione agricola regionale e che vede 5.196 ettari di superfici vitate di cui 1.300 ettari di Doc regionali e 4000 aziende viticole, di cui 100 che confezionano con propria etichetta per un totale di circa 400 etichette e 6milioni e 700mila bottiglie di vino.

Una regione piccola ma con ben sei marchi di qualità: la Docg Aglianico del Vulture Superiore, la Doc Aglianico del Vulture, la Doc Terre Alta Val D’Agri, la Doc Grottino di Roccanova, la Doc Matera e l’Igt Basilicata.

Terra di vitigni autoctoni straordinari come Aglianico del Vulture nell’area del Vulture-Melfese, ma anche di Malvasie bianche e nere di Basilicata presenti in tutta la regione, nonché il vitigno Primitivo nel Materano e nella fascia dell’Arco Ionico-metapontino, ma anche Basilicata terra di ottimi vitigni internazionali coltivati in varie aree regionali.

E’ allora veramente arrivato il tempo di mettere in campo una promozione che prova a mettere insieme tutti gli attori per parlare la stessa lingua, a partire dalla partecipazione al Vinitaly come collettiva Basilicata, come da due anni a questa parte, con una presenza di spessore rispetto al passato che ha recuperato modelli comunicativi più efficaci.

La programmazione che ha messo in campo l’Enoteca negli 8 eventi che si svolgeranno sia in provincia di Potenza che di Matera ci vede condividere come Dipartimento l’idea di portare in giro il meglio del vino di Basilicata già a partire dai ristoranti prestigiosi della nostra Regione oltre che iniziare a programmare una serie di altri eventi sul territorio regionale ma anche nazionale ed internazionale che proveremo a coordinare, insieme alla Presidenza della Regione, a cui chiediamo sforzi maggiori, come da istanza proveniente dallo stesso mondo del vitivinicolo, per assicurare la finanza adeguata all’Enoteca, e congiuntamente alla promozione territoriale dell’Apt.

In un momento storico di attenzione particolare del mondo che guarda alla Basilicata e a Matera Capitale Europea della Cultura 2019 è tempo di proporre qualcosa di importante e di dare la giusta visibilità. A partire dalla decisione di dare un riconoscimento, come Dipartimento Agricoltura, alle eccellenze di della terra di Basilicata ai cinque vini premiati dal Gambero Rosso e inseriti nella guida con “3 bicchieri 2018” che sono l’Aglianico del Vulture “Don Anselmo ’13” di Paternoster, l’Aglianico del Vulture “Il Repertorio ’15” di Cantine del Notaio, l’Aglianico del Vulture Sup. “Cruà ’13” di Basilisco, l’Aglianico del Vulture Sup. “Serpara ’12” di Re Manfredi – Cantina Terre degli Svevi e l’Aglianico del Vulture “Titolo ’15” di Elena Fucci. Inauguriamo così un momento di presenza del Dipartimento accanto ai produttori di eccellenze riconosciute a livello nazionale ed internazionale in ogni comparto dell’agroalimentare lucano.

Auspichiamo – conclude l’assessore Braia – di poter aprire presto una sede, in un locale di prestigio, dell’Enoteca Regionale su Matera per la quale sono in corso interlocuzioni sia con la Provincia che con APT. Sempre in ottica di sistema con Apt e con Fondazione Matera 2019 saremo a Rimini l’11 ottobre alla serata inaugurale del TTG, la più importante fiera del Turismo in Italia, coordinando con il Dipartimento Agricoltura la cena a base di prodotti enogastronomici lucani per oltre 700 operatori.

Abbiamo colto, infine, l’occasione per presentare ai produttori di vino ed ai consorzi di tutela oltre che ai beneficiari della misura 3.2 del Psr Basilicata 2014-2020 sulla promozione e valorizzazione, il progetto di produzione cinematografica “Wine to Love” a regia dell’attore lucano Domenico Fortunato e del produttore Cesare Fragnelli”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *