EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

BRAIA: COMPETITIVITÀ, SOSTENIBILITÀ, ACCESSIBILITÀ PAROLE CHIAVE

“Questi sette bandi, con una dotazione di oltre 107 milioni di euro, oggi rappresentano esattamente la dimensione della sfida che intendiamo lanciare alle imprese del comparto”

“Siamo arrivati al punto di svolta della programmazione 2014/2020 del Psr che proietterà l’agricoltura di Basilicata in maniera più organizzata, innovata e moderna e quindi più competitiva, direttamente al 2020, anno in cui presumibilmente tutta questa progettualità che oggi si mette in campo dovrà realizzarsi.”

Lo ha dichiarato l’assessore alle Politiche agricole e forestali Luca Braia durante la conferenza stampa di presentazione del secondo pacchetto bandi 2017 del Psr Basilicata 2014-2020, con una importante dotazione finanziaria a sostegno di nuove politiche di rinnovamento in ambito agricolo e rurale.

“Questi 7 bandi – prosegue l’assessore Braia -con una dotazione di oltre 107 milioni di euro, oggi rappresentano esattamente la dimensione della sfida che intendiamo lanciare alle imprese del comparto, provando a mettere insieme agricoltori e trasformatori, nella convinzione che per produrre reddito bisogna essere presenti sull’intera catena del valore, rappresentata non solo dalla produzione, in cui abbiamo punte di eccellenza riconosciute, ma anche dalla trasformazione e dalla commercializzazione.

Le tre principali sottomisure di questo secondo, corposo, pacchetto bandi del 2017 che vede la programmazione al ventunesimo bando emessi in due anni, sono la 16.0 destinata alle filiere con una dotazione di 3,5 milioni di euro, in modalità coordinata con la 4.1 e la 4.2 per circa 44 milioni di euro. Sono sottomisure che dovranno essere vissute in modalità filiera e quindi sviluppando capacità di aggregazione positiva e sinergica e, posso affermarlo con soddisfazione, sono la scommessa più grande per il comparto agricolo e della trasformazione e commercializzazione dei prodotti lucani, la cui dotazione finanziaria saremo anche in grado di incrementare qualora l’esito sarà quello da noi sperato di grande e qualificata risposta e partecipazione da parte dei possibili beneficiari.

L’obiettivo è quello di generare almeno 16 filiere nei comparti maturi, tra cui 3 progetti per l’ortofrutta e 3 per il settore cerealicolo, con una dotazione di oltre 12 milioni di euro ciascuno, e 2 progetti rispettivamente per zootecnia da latte e per la carne, oltre che per viticoltura e olivicoltura con circa 3 milioni di euro cadauno, per una totale complessivo di circa 47 milioni di euro.

Abbiamo voluto dare spazio anche ad almeno 2 progetti di filiera per comparti nuovi che potranno arricchire le possibilità di fare agricoltura nella nostra terra e diversificare il reddito, mettendo a sistema colture minori come le erbe officinali e i funghi, solo per citarne alcune.

Fondamentale sarà, per i progetti di filiera, dimostrare la capacità di mettere insieme le tre aree di produzione, trasformazione e commercializzazione, connesse e proporzionate in maniera crescente per consentire spazi di aggregazione anche successiva, così come fondamentale sarà la sostenibilità finanziaria e la capacità di fare investimenti collettivi, oltre che di effettuare la promozione e la valorizzazione delle produzioni conferite (minimo 70%) da commercializzare possibilmente con brand che riescano a promuovere anche l’origine lucana del prodotto stesso.

Parallelamente, il pacchetto comprende i bandi ordinari relativi al miglioramento aziendale con la quota di 16 milioni di euro destinata ai giovani ammessi al sostegno per il primo insediamento e 8 milioni di euro che, sono sicuro, porteranno respiro economico e ammodernamento delle attrezzature e dei macchinari per rendere realmente competitive ed al passo coi tempi il nostro tessuto produttivo agricolo.

Necessario quindi fornire immediatamente accessibilità alle aree rurali con il bando 4.3.1 sulla viabilità destinato ai Comuni lucani, che ha dotazione finanziaria di 20 milioni di euro, a sostegno di infrastrutture per poter raggiungere i terreni agricoli attraverso nuove strade, ristrutturazioni e messe in sicurezza.

Ed infine – conclude Braia- abbiamo fortemente voluto il bando della 8.5 relativo agli ecosistemi forestali, su cui rendiamo disponibili ancora 12 milioni di euro, attraverso cui operare sul patrimonio boschivo nella direzione della sostenibilità ambientale, del recupero, della valorizzazione della straordinaria biodiversità della nostra regione, della tutela degli habitat naturali, dell’incremento della capacità di assorbimento di CO2 e della valorizzazione turistica ricreativa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *