fbpx

Cookie, informativa privacy e gestione dati su questo sito

BRAIA: BASILICATA PROTAGONISTA DELLE POLITICHE AGRICOLE

Al tavolo Verde discussi con il partenariato agricolo i criteri di selezione riguardanti le prime misure della nuova programmazione comunitaria. Al lancio del Po Feasr anche il viceministro Olivero

AGR “La Basilicata, consapevole delle sue straordinarie potenzialità, vuole tornare a essere protagonista del settore agricolo, attraverso la costruzione di un modello efficace, efficiente e ampiamente condiviso con tutti gli attori del sistema. Ed è con questo spirito che stiamo organizzando l’evento di lancio del Po Feasr 2014-2020 in programma il 29 gennaio a Matera a cui parteciperà il Vice Ministro Andrea Olivero, assessori e rappresentanti di alcune regioni del Mezzogiorno”.

IMAGE_FILE_3006445

Lo ha detto l’assessore regionale alle Politiche agricole e forestali, Luca Braia, in apertura dei lavori del Tavolo Verde da lui presieduto, a cui venerdì scorso hanno partecipato il direttore generale del Dipartimento, Giovanni Oliva, l’Autorità di Gestione del Po Feasr, Vittorio Restaino, e i rappresentanti di tutte le associazioni agricole.

“Negli ultimi sette mesi, da quando ho assunto la responsabilità di questo Dipartimento – ha aggiunto Braia – grazie all’impegno profuso dagli uffici abbiamo recuperato i ritardi che si erano accumulati, evitando di fatto quasi tutto il grave potenziale disimpegno delle risorse comunitarie del periodo 2007/2013. Nell’arco di qualche settimana chiuderemo totalmente la partita amministrativa riguardante la vecchia programmazione. Ma non possiamo e non dobbiamo più lavorare in emergenza.

Da qui la necessità di costruire un nuovo modello operativo più adatto a rispondere alle mutate esigenze del mondo agricolo e a ridare centralità a questo importantissimo comparto produttivo ed economico della nostra regione. Per questa ragione stiamo riorganizzando anche gli uffici provando a creare corrispondenza diretta con le caratteristiche delle singole misure del Po Feasr. E questo nuovo modello organizzativo lo stiamo realizzando ora proprio perché dobbiamo poter lavorare nella ordinarietà e non essere costretti a recuperare ritardi con il rischio di perdere importanti opportunità. Credo che lo stesso debbano fare le associazioni di categoria provando a ridisegnare i loro modelli di azione anche in virtù dei nuovi compiti da svolgere, in modo da poter rafforzare tutto il sistema dell’agricoltura in Basilicata.”

Braia si è quindi soffermato sull’evento di lancio del Po Feasr in programma il 29 gennaio, con inizio alle 9.30, nell’auditorium del Conservatorio di Matera.

“Hanno già aderito alla tavola rotonda gli assessori regionali di quasi tutte le regioni del Sud, oltre al viceministro alle Politiche agricole e forestali, Andrea Olivero con l’obiettivo di far partire dalla Basilicata idee e proposte operative che non riguardano solo gli agricoltori lucani, ma quelli di tutto il Mezzogiorno in relazione agli obiettivi dell’intero Paese. L’Agricoltura deve tornare centrale nelle politiche sia del Governo nazionale che delle regioni perché su questa sfida si gioca la partita economica dei prossimi anni che dovrà tornare a puntare sulle proprie vocazioni che da noi sono Agricoltura, Ambiente e Turismo.

Ragioneremo, in questa circostanza, anche sul sistema del credito e sulle opportunità offerte dalla nuova legislazione nazionale e quelle che inseriremo nella prossima legge di stabilità regionale che vedrà centrale, come già annunciato dal presidente, Marcello Pittella, il ruolo di Sviluppo Basilicata”.

Al tavolo verde è quindi intervenuto l’Autorità di gestione del Po Feasr, Vittorio Restaino. “Vogliamo procedere – ha detto Restaino – con un preciso cronoprogramma definendo entro la fine di marzo tutti i criteri di selezione per le 8 misure e le 24 sottomisure. I criteri di selezione, oggetto del Tavolo Verde, individuati e proposti dall’Adg – ha aggiunto Restaino – sono quelli già condivisi e adottati nel Psr anche sulla base della consultazione con la Commissione europea che si concluderà nelle prossime ore”.

Nel corso dell’incontro il Direttore generale del Dipartimento, Giovanni Oliva, ha ringraziato tutto il partenariato agricolo per la grande disponibilità offerta in questo anno e mezzo “con cui abbiamo raggiunto importanti risultati. Sono certo che questa disponibilità ci sarà di aiuto per rendere ancora più positivi i risultati attesi dalla nuova programmazione”.

Il Tavolo Verde, dopo aver analizzato, verificato e discusso con le associazioni di categoria i criteri di selezione relativi alle prime misure del PSR Basilicata 2014-2020, i cui bandi sono previsti già per la fine del mese di febbraio, ha aggiornato i lavori a mercoledì 27 gennaio.

pat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere o eliminare i dati personali eventualmente lasciati su questo sito, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta: