fbpx

Cookie, informativa privacy e gestione dati su questo sito

PRESENTATO IL MUSEO SCENOGRAFICO “UTOPIA” DI CAMPOMAGGIORE

AGR Campomaggiore amplia la propria offerta culturale inaugurando il Museo Scenografico “Utopia”, che apre i battenti domani, nel centro del comune lucano, alle 17.30, e che oggi è stato presentato in anteprima alla stampa.

Si tratta di un allestimento creato all’interno di un palazzo del centro storico, su 100 metri quadrati di superficie e con cinque sale in cui si alterneranno pannelli espositivi, ologrammi, un teatro ottico, per far immergere lo spettatore all’interno della storia della nascita dell’idea della “città dell’Utopia”, che i Conti Rendina immaginarono a Campomaggiore a fine 1700, salvo poi dover rinunciare per una frana che sconvolse l’area e costrinse a riprogettare l’abitato dove attualmente è oggi.

Il museo, che si lega allo spettacolo “La Città dell’Utopia” (domani sera alle 21 si tiene la “prima” stagionale) è stato realizzato da un raggruppamento temporaneo di imprese composto dalla EES Srl e da Forcopim grazie ad un finanziamento nell’ambito del Psr (Programma Strategico Rurale) della Regione Basilicata, nello specifico sulla misura 323, asse 3 (Diversificazione del reddito in ambito rurale – Recupero dei beni di rilevante pregio architettonico) ed è il primo intervento completato tra le 63 pratiche approvate dalla Regione, che sulla misura ha investito 17 milioni di euro, come ha spiegato il Dirigente Ufficio Economia, Servizi e Valorizzazione del Territorio Rurale del Dipartimento Politiche Agricole e Forestali della Regione, Giuseppe Eligiato.

“La cultura della ruralità deve ormai assecondare linguaggi nuovi, multimediali, e al contempo portare il visitatore a vivere l’esperienza sui luoghi del vissuto delle storie narrate – ha sottolineato l’assessore all’Agricoltura della Regione Basilicata, Luca Braia -. La sfida nel medio periodo si vincerà se si riusciranno a mettere in rete piccoli e grandi attrattori lucani in chiave europea e internazionale, creando i presupposti per un richiamo di tipo turistico, con ricadute sull’economia locale, in particolare su ricettività, accoglienza, servizi e enogastronomia”.

Il sindaco di Campomaggiore, Candio Tiberi, nell’assicurare che il museo scenografico resterà aperto per tutto l’anno e sarà oggetto di un’attenta opera di comunicazione, in particolare verso il turismo scolastico, ha ribadito il concetto di “rete”, spiegando che museo e spettacolo sono una parte dell’offerta che l’area dell’Alto Basento potrà garantire, nell’ambito di un concetto di “cultura della ruralità” che va assolutamente enfatizzato e trasmesso oltre i confini regionali.

Claudio Paternò, project manager, ha ulteriormente allargato il concetto, parlando di una valorizzazione culturale che, oltre ai sensi comunemente intesi, restituisce senso ai luoghi, alle storie, all’umanità e alla lucidità forse un po’ folle ma assolutamente avveniristica dei Conti Rendina, che progettarono la città dell’Utopia in grande anticipo rispetto agli altri progetti similari che in Italia e all’estero furono ideati. Uno step successivo del progetto sarà quello di mettere in rete tutte queste esperienze e costituire un circuito internazionale in grado di attirare curiosità e interesse.

“Per essere pronti ad aprirsi ad un turismo internazionale – ha concluso Domenica Mirauda di EES Srl – lo spin off accademico che si è misurato con successo in questa ambiziosa sfida tecnologica, oltre che di ricerca – saranno formati cinque operatori locali che dovranno iniziare a gestire la comunicazione turistica e i contatti con scolaresche e altri target interessati alle visite del museo scenografico, creando le basi per professionalità sempre più mirate da spendere in questa direzione”.

bas 02

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere o eliminare i dati personali eventualmente lasciati su questo sito, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta: