fbpx

Cookie, informativa privacy e gestione dati su questo sito

PRESENTAZIONE DDL USI CIVICI E LORO GESTIONE

AGR Informatizzazione della banca dati regionale ed implementazione di webgis, formazione degli addetti ai lavori, regolamentazione degli incarichi, destinazione a pascolo come valore univoco di riferimento per determinare le stime, riduzione di tempi e procedure, contributo regionale a fondo perduto ed anticipazioni del cofinanziamento per la redazione delle perizie, reddito dominicale dalla qualità di pascolo più alta, obbligo di adozione da parte dei comuni entro 12 mesi dal Regolamento, istituzione di una consulta di esperti: sono queste le principali novità del nuovo testo di legge presentate questa mattina alla stampa, agli amministratori ed ai tecnici interessati in una conferenza alla presenza del Presidente della Giunta Regionale, Marcello Pittella, dell’assessore alle Politiche agricole e forestali Luca Braia, del dirigente generale Giovanni Oliva, del Dirigente Mario Cerverizzo.
Alla conferenza sono intervenuti anche Nicola Sabina in rappresentanza dell’Anci, Piergiorgio Quarto in rappresentanza delle associazioni agricole ed hanno partecipato anche i rappresentanti del gruppo di lavoro Consulta della proprietà collettiva, Anci, Unitel, Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Copagri oltre che gli ordini/collegi professionali di Potenza e Matera degli Ingegneri, degli Architetti, degli Avvocati, degli Agronomi e Forestali, dei Geometri, dei Periti Agrari, degli Agrotecnici, i periti demaniali e docenti universitari.“Poco più di un anno fa emergeva l’esigenza – ha dichiarato il Dirigente del Dipartimento Politiche Agricole e Forestali Mario Cerverizzo, coordinatore del tavolo – da parte degli addetti ai lavori di aggiornare i contenuti della normativa vigente, costituendo un gruppo che, in maniera collaborativa, è pervenuto al nuovo testo condiviso e approvato dalla Giunta Regionale affrontando tutte le problematiche e le criticità della materia relativa agli usi civici.”

Il D.D.L. che passerà al vaglio della commissione competente e del Consiglio presenta numerose e importanti novità che renderanno possibile la conclusione di situazioni sospese da decine di anni.

FullSizeRender 8

Sarà istituita una banca dati regionale gestita con tecnologia webgis, l’inventario informatizzato sarà disponibile anche online e i dati dei demani civici aggiornati saranno utilizzati per la Carta Regionale degli usi civici.

Saranno potenziate le attività formative anche con la collaborazione di soggetti terzi, sarà regolamentato il conferimento degli incarichi mediante un apposito Regolamento. La determinazione della destinazione a pascolo sarà presa come valore univoco di riferimento sia per le stime che per le autorizzazioni in sanatoria. Saranno ridotti i tempi delle procedure e l’amministrazione concorrerà alle spese con un contributo del 50% a fondo perduto per ogni perito/istruttore incaricato.

I tempi delle istruttorie si riducono e passano da 18 a 6 mesi relativamente alla richiesta da parte dei Comuni della nomina del perito per i lavori di sistemazione e chiusura delle operazioni demaniali e, ancora, si abbassano da 12 mesi a 6 mesi, sempre per i Comuni, una volta ricevuta la comunicazione da parte dell’ufficio Regionale del nominativo del perito, i tempi per accettare la nomina e impegnarsi ad adempiere e rispettare gli impegni. Sarà introdotto il reddito dominicale riferito alla qualità pascolo più elevata come criterio univoco per la determinazione del canone di affrancazione dei livelli.

I Comuni avranno l’obbligo di adozione e di adeguamento alla disciplina in materia di gestione degli usi civici. Sarà istituita una consulta composta da esperti designati dalle organizzazioni agricole, dagli ordini e collegi professionali, dall’ANCI a supporto dei lavori dell’ufficio.

FullSizeRender 7

 

FullSizeRender 6

FullSizeRender 5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere o eliminare i dati personali eventualmente lasciati su questo sito, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta: