Cookie, informativa privacy e gestione dati su questo sito

Riprogrammazione Fondi Europei, grande partita per la Basilicata da non sprecare

In agricoltura si difenda il budget assegnato e si ri-programmino i 70 milioni di euro non impegnati del PSR 2014/2020.

“La Basilicata, soprattutto quella Agricola in questa emergenza, non deve perdere un euro, non c’è un attimo da perdere. L’Assessore Fanelli batta un colpo. L’azione politica più importante, come Regione, è quella di ridefinire le priorità politiche immediatamente per farsi trovare pronta ad inviarle entro il primo luglio 2020, data a partire dalla quale sarà possibile mandare le correzioni ai programmi operativi alla Commissione Europea. 

Occorre, inoltre, chiedere e ottenere un’anticipazione del 3% (circa 20 milioni di euro)  sulla prossima programmazione 2021/2027 – azione già consentita agli stati membri verso le Regioni – e, soprattutto, sfruttare al massimo e al meglio la grande flessibilità di azione tra le priorità dello stesso fondo e tra tutti i fondi (Fesr, Fse, Feasr) introdotta dalla commissione europea per affrontare al meglio l’emergenza Covid-19. 

La Commissione europea ha, infatti, allargato ulteriormente le maglie regolamentari, rendendo non obbligatori alcuni vincoli esistenti, nell’utilizzo dei fondi strutturali per far fronte all’emergenza sanitaria ed economica provocata dal coronavirus. Ad esempio, non è più obbligatorio il cofinanziamento nazionale, sono state liberate le risorse per economia circolare o verde dove si faceva fatica a spendere, è stata introdotta la massima flessibilità tra i fondi.”

Lo dichiara il Consigliere Regionale Luca Braia, capogruppo Italia Viva ed ex assessore all’Agricoltura.

“La battaglia ulteriore da fare invece – prosegue Luca Braia – con la Comunità Europea, in sinergia con le altre regioni del sud è quella di affiancare l’ottimo Ministro alle Politiche Agricole Teresa Bellanova nel sostenere l’istanza di giungere a una rimodulazione su base regionale, dei fondi europei PSR non ancora impegnati, che per la Basilicata ammontano a circa 70 milioni di euro. Una straordinaria occasione che, se ben colta, può rappresentare un nuovo punto di svolta per il comparto, dal momento che nel periodo 2014/2019 ha visto una crescita in valore aggiunto, valore alla produzione ed export.

E’ per la nostra regione una somma importante che potrebbe essere utilizzata  per sostenere il comparto agricoltura tutto. Zootecnia (latte e carne), ortofrutta, vitivinicolo, florovivaistico, cerealicolo, agrituristico e tutte le filiere, soprattutto se locali e di prossimità, dovranno essere accompagnate nell’emergenza e ancora più incentivate nei processi aggregativi e nel processo di evoluzione verso la “smart agricolture” oltre che di “e-business”  e di promozione del Made in Basilicata su cui è calato il sipario negli ultimi 12 mesi – nonostante Matera 2019 – trascorsi nel silenzio assoluto. Necessario, in un periodo in cui  si prevede un calo dei consumi dell’8.5% circa entro la fine del 2020 e un profondo cambiamento dei modelli di distribuzione, di vendita e di abitudini sociali e di consumo alimentare.

Tra gli obiettivi da raggiungere, inoltre, si potrebbe puntare a una serie di modifiche finalizzate ad aumentare l’aiuto alle imprese incrementando le anticipazioni sino al 75% e consentire l’anticipazione stessa a tutte le misure PSR 2014/2020, comprese le attività di servizi, comunicazione e promozione oltre che quelle a regia diretta che riguardano i Gruppi di Azione Locale (GAL). Si aumentino le percentuali di compartecipazione pubblica al 60%  e privata massimo al 40%. 

Occorre agire in fretta, Presidente Bardi e Assessore Fanelli – conclude il Consigliere Braia – i tempi dei campi e degli allevamenti così come quelli della produzione agroalimentare sono diversi da quelli di qualunque altra attività produttiva. Noi continueremo a dare il nostro contributo, a sollevare, laddove li intercettiamo, ritardi e incongruenze cercando di tracciare una direzione che non disperda l’enorme lavoro fatto negli ultimi anni. Dalla terra, dai valori degli agricoltori dovrà ripartire tutto e noi, sia nell’affrontare l’emergenza che nella fase del re-start,  non possiamo farci trovare impreparati e senza una strategia definita. Se accadesse questo, sarebbe pericoloso e inaccettabile.“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere o eliminare i dati personali eventualmente lasciati su questo sito, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: