Cookie, informativa privacy e gestione dati su questo sito

BASILICATA FOOD&WINE: LA SINTESI DELLA PRIMA GIORNATA

Braia: “Con la Federazione nazionale dei Cuochi – ha affermato l’assessore Luca Braia durante i saluti istituzionali che hanno dato avvio ai cooking show – abbiamo stipulato una convenzione per creare un sistema che renda il territorio consapevole delle sue potenzialità, anche in vista di Matera Capitale europea della Cultura per il 2019”

Successo per Basilicata Food&Wine, iniziativa di due giorni dedicata alla valorizzazione del settore agroalimentare della Regione Basilicata, organizzata a Matera, presso la sala ricevimenti Hilton Garden Inn, dalla Federazione Italiana Cuochi in collaborazione con il Dipartimento politiche agricole e forestali e dall’Unione Regionale Cuochi Lucani. La prima mattinata, domenica, – spiega il Dipartimento Politiche agricole e forestali – è stata interamente dedicata ai bambini che per l’occasione sono diventati piccoli chef apprendisti, accolti dall’assessore regionale alle Politiche agricole e forestali, Luca Braia e con lezioni di educazione alimentare alla presenza dello chef Alessandro Circiello e alla conduttrice Annamaria Baccaro di Next TV 3.0. di Rai Gulp e una colazione a base di biscotti biologici con farina integrale e latte e yogurt lucano.

Lo chef Alessandro Circiello, come gli altri che si sono alternati sul palco di Basilicata Food&Wine ha proposto piatti cucinati con ingredienti del territorio dal pane di grano duro del territorio al pesce azzurro come ad esempio: polpette di pane di Matera accompagnate da fagioli bianchi del Vulture e da olio extra vergine d’oliva e per il dessert fragole Candonga proposte alla piastra, riprendendo la tradizione orientale. Tra i grandi protagonisti degli show cooking lo chef stellato Claudio Sadler.

“Con la Federazione nazionale dei Cuochi – ha affermato l’assessore Luca Braia durante i saluti istituzionali che hanno dato avvio ai cooking show – abbiamo stipulato una convenzione per creare un sistema che renda il territorio consapevole delle sue potenzialità, anche in vista di Matera Capitale europea della Cultura per il 2019. L’obiettivo è quello di veicolare messaggi sulla necessità di adottare un regime alimentare che sia sano e corretto attraverso l’utilizzo dei prodotti locali. Abbiamo voluto cominciare la manifestazione parlando ai bambini, ma abbiamo anche coinvolto istituzioni e Apt.

Sono orgoglioso che gli chef della Federazione nazionale dei Cuochi prediligano e provino a veicolare nelle diverse competizioni nazionali e internazionali tutti i nostri prodotti dal peperone crusco di Senise, al fico, senza dimenticare le peculiarità della nostra carne, il pane di Matera, l’ortofrutta, a cui abbinare il giusto vino di Basilicata a corollario di un racconto di cui si fanno ambasciatori della nostra regione che passa per il gusto e per la forte caratteristica identitaria.

Particolare attenzione abbiamo voluto dare – ha concluso Luca Braia – anche al prodotto ittico marino ma anche al pesce di allevamento, attraverso il Feamp (Fondo europeo per gli affari marittimi e la Pesca) in Basilicata in questo evento, puntiamo a valorizzare il pesce autoctono anche attraverso le ricette proposte, dalla trota salmonata di allevamento lucano al pesce azzurro fino alle attività ad esso collegate”.

“L’occasione è quella di promuovere le buone prassi per una sana e corretta alimentazione – ha dichiarato Marina Padula, responsabile Feamp del Dipartimento Politiche agricole e forestali -. Il nostro pesce è un’eccellenza del territorio che a tavola non può mancare”.

Il presidente dell’associazione italiana sommelier, Aldo Corrado, in occasione della manifestazione Food&Wine ha dato il benvenuto a diciotto nuovi sommelier a cui l’assessore Luca Braia ha consegnato l’attestato, dichiarando: “Un mondo, quello del vino, sempre più importante e che vede la Basilicata qualificarsi su un alto livello, dove l’improvvisazione non è più ammessa. I sommelier sono quindi gli ambasciatori di un prodotto di qualità eccelsa e riconosciuta che va comunicata con la consapevolezza della bontà, del valore e di ciò che il vino lucano rappresenta.”

Basilicata Food&Wine ha pensato anche alle popolazioni colpite dal terremoto. A metà mattinata hanno preso parte all’evento gli abitanti di Arquata, di Acquasanta Terme e Grisciano, onorati di partecipare a una manifestazione di promozione del territorio di tale livello, ringraziando la Federazione Italia Cuochi ed il Dipartimento Politiche agricole e forestali per la grande sensibilità al problema da parte di una terra, la Basilicata, che non dimentica di aver vissuto lo stesso dramma.

“E’ dal 24 agosto che ci occupiamo di gestire la cucina del campo di Amatrice – dichiara Roberto Rosato, presidente del Dipartimento Solidarietà emergente della Federazione nazionale Cuochi – impegnando 210 cuochi e distribuendo ad oggi oltre 230.000 pasti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GDPR RICHIESTA DATI PERSONALI

Puoi richiedere o eliminare i dati personali eventualmente lasciati su questo sito, ai sensi del GDPR.

Seleziona la tua richiesta:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: